“Campi” per persone ad alto rischio Covid

Mentre nel mondo si introducono i “passaporti vaccinali” tra i timori che stia arrivando un nuovo tipo di apartheid medico, una pubblicazione del CDC riaffiorata sostiene i campi di internamento per “persone ad alto rischio Covid”.

L’anno scorso, i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno pubblicato un  documento che ha lanciato l’idea totalmente non sospetta di trasferire individui “ad alto rischio” in “campi” di zone verdi. Mentre la proposta non ha attirato molta attenzione in quel momento, poiché le misure anti-Covid draconiane stavano iniziando ad aumentare e i diritti umani e le libertà fondamentali erano sotto attacco, il documento ha attirato una nuova attenzione. E non senza ragione, a quanto pare.

La primissima riga del documento discute l’attuazione di un “approccio di protezione in contesti umanitari… incentrato su campi, popolazioni sfollate e ambienti con poche risorse”. In sostanza, e questo sarà importante in seguito, “ambienti umanitari” è solo un altro modo per dire “campi”. Molte persone sono veloci ad associare l’idea dei campi al contenimento dei rifugiati, per esempio, o degli stranieri illegali che hanno violato il confine. Eppure l’unica volta che la parola “rifugiato” viene menzionata nel documento è in riferimento a un campo in Kenya. Allo stesso tempo, ‘campo’ e ‘campi’ sono indicati circa 20 volte.

C’è un’altra cosa ambigua in questo documento, e questo riguarda la sua descrizione di individui “ad alto rischio” e della “popolazione generale”.

Il documento recita: “Nella maggior parte degli ambienti umanitari (cioè i campi), i gruppi di popolazione più anziana costituiscono una piccola percentuale della popolazione totale. Per questo motivo, l’approccio di schermatura suggerisce di separare fisicamente gli individui ad alto rischio dalla popolazione generale per dare priorità all’uso delle limitate risorse disponibili ed evitare di attuare misure di contenimento a lungo termine tra la popolazione generale”.

In altre parole, il CDC sta dicendo che le persone anziane detenute nei campi (ambienti umanitari), perché sono nella categoria “ad alto rischio”, dovrebbero essere separate dalla “popolazione generale” in queste strutture in modo da ridurre le ” misure di contenimento». Ok bene. Ma il documento non spiega mai chi compone la popolazione generale all’interno dei campi e perché questi individui “a basso rischio” sono detenuti in queste “zone verdi” umanitarie in primo luogo.

Fonte: Data Base Italia

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.